Einaudi

einaudi-casa-editrice-lavoroEinaudi è una casa editrice di Torino, fondata nel 1933 da un gruppo di allievi del liceo classico D’Azeglio. Tutti studenti che avevano avuto come professore Augusto Monti, un uomo di grande cultura e impegno civile. Il punto di riferimento del gruppo era Giulio Einaudi. A lui si erano affiancati: Leone Ginzburg, Norberto Bobbio, Massimo Mila e Cesare Pavese. Einaudi era l’anima imprenditoriale della società, mentre Ginzburg era colui che ne definiva la linea editoriale.

La casa editrice si contraddistinse subito per il forte orientamento politico, per l’attenzione ai temi dell’attualità, per la promozione del dibattito culturale. Dopo l’uccisione da parte dei fascisti di Ginzburg (1944), la guida editoriale dell’Einaudi passò a Pavese, che lanciò nuove collane e ampliò gli argomenti trattati nei saggi. L’espansione arrivò però soprattutto durante gli anni Settanta. Tra i successi maggiori occorre segnalare il bestseller di Elsa Morante “La storia” e la nascita della collana “Gli struzzi”, che sarebbe diventata il cavallo di battaglia dell’editore. Superata la crisi del decennio successivo, Einaudi è riuscito a rinnovarsi.


Negli anni Novanta ha scoperto e riscoperto molti autori stranieri come DeLillo, Grass e Saramago. Nel 1996 è nata la collana “Stile libero” che offre ampio spazio a scrittori esordienti. Attualmente Einaudi fa parte del gruppo Mondadori.



Come candidarsi:
Nella sezione “Contatti” vengono spiegate le modalità per l’invio del curriculum. Non vengono accettati i curriculum mandati tramite posta elettronica.

Sito web: http://www.einaudi.it/

Sezione “Lavora con noi”: http://www.einaudi.it/contatti