Corriere del Mezzogiorno

corriere del mezzogiornoIl Corriere del Mezzogiorno viene fondato a Napoli nel 1997, in conseguenza all’attuazione di un piano di riorganizzazione aziendale della sezione Quotidiani della RCS (Rizzoli Corriere della Sera).

L’obiettivo era chiaro: sradicare la forte supremazia dei quotidiani locali fuori dalla Lombardia, unica regione in cui il Corriere della Sera riusciva a vendere un elevato numero di copie, a fronte della riconosciuta considerazione dello stesso quale più autorevole quotidiano nazionale.

Nello stesso periodo, inoltre, RCS comincia a temere la progressiva scalata di Repubblica, che a fronte dell’attaccamento del lettore italiano al giornale locale, aveva già sviluppato una sezione di cronaca locale distribuita nelle principali città italiane, cosa che sostanzialmente mancava al Corriere della Sera, salvo poche insufficienti eccezioni.


L’affermazione di Repubblica in quegli anni proprio nella città di Napoli dà alla RCS lo slancio decisivo per la svolta. Alla sezione locale di Repubblica, RCS risponde con un nuovo quotidiano: un’edizione interamente locale, ricca di redazionali, lettere, critiche e cronaca locale. E’ così che nasce il Corriere del Mezzogiorno, che oggi conta un’unica redazione che coordina le tre sotto-edizioni di Caserta, Napoli e Salerno.Poco tempo dopo il giornale viene integrato con uno speciale economico tutto incentrato sulle problematiche del Meridione: CorrierEconomia.

Nel 2000 la diffusione si estende prima alla Sicilia, poi anche alla Puglia, con le edizioni di Bari e Lecce. Sulla stessa linea, negli anni successivi, nascono anche al nord nuove versioni del Corriere che sfruttano il format del Corriere del Mezzogiorno. Il target di persone che comprano e leggono il Corriere del Mezzogiorno, non differisce molto da quello del Corriere della sera: ci riferiamo ad un tipo di lettore di cultura medio-alta, interessato ai numerosi redazionali intellettuali e culturali. Il restringimento del target a persone interessate a cultura e politica coincide con la riduzione di fatti di cronaca trattati a

Corriere del Mezzogiorno fronte dell’aumento di articoli relativi alle problematiche politiche, sociali e culturali. Oggi è possibile consultare molte delle edizioni locali anche direttamente online, consultando il sito web del giornale.

Come candidarsi: l’azienda è disponibile alla formazione di stagisti all’interno dell’area redazionale. E’ possibile sottoporre la propria candidatura nella sezione “Scrivi”

Sito webhttp://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/

Sezione “lavora con noi”http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/scrivi/bit.shtml